mercoledì 18 febbraio 2015

EMOZIONI OLFATTIVE






L’essere umano può chiudere gli occhi davanti alla bellezza, davanti alla grandezza. Può turarsi le orecchie per non sentire una melodia, ma non può sottrarsi al profumo. Che cos’è il MARKETING OLFATTIVO? Può sembrare uno studio dedicato negli ultimi decenni, ma non è così, ne troviamo testimonianza in Egitto, in India, la sua storia risale già intorno al 1000 d.c. quando i mercanti cinesi avevano capito che riuscivano a far apprezzare di piu’ e vendere le loro sete quando venivano profumate. Però bisognerà aspettare fino agli anni 90 per sentir parlare di Marketing olfattivo. L’olfatto è costantemente attivo con l’atto della respirazione, non si può non avere una percezione olfattiva. Il profumo ha la capacità di saturare l’ambiente dov’è diffuso, dando la percezione di benessere e positività. La memoria olfattiva non ha limiti di tempo e di spazio, infatti quando percepiamo un aroma noto attiviamo un processo di riconoscimento e di associazione. Ad un odore corrisponde sempre un immagine, un emozione. Fra tutti i sensi l’olfatto è l’unico che va subito al cervello senza intermediari suscitando delle emozioni. Studi di mercato hanno evidenziato come il ricordo di un brand aumenti se nell’ambiente troviamo una profumazione gradevole. 64 Brand sottoposti al test, hanno evidenziato che il loro riconoscimento è avvenuto con il:
 67% In assenza di profumo
78% Con un profumo non congruente
 89% In presenza di profumazione congruente




 Il successo del marketing olfattivo ha coinvolto importanti aziende, come catene alberghiere SHERATON, HILTON, RITZ, ristoranti e anche automobili. In America alcune banche profumano anche i libretti degli assegni. Secondo una ricerca condotta da ASTRA- DESMOKOPEA ben 68 persone su 100 vorrebbe che ogni ambiente avesse un profumo ben definito e 72 persone su 100 preferiscono soffermarsi dove si avverte un leggero profumo diffuso e persistente. Alan R. Hirsch è stato uno dei primi studiosi a costatare che i consumatori sono maggiormente predisposti ad acquistare e a pagare di più un prodotto quando il locale è ben profumato. Nel corso degl’anni i suoi studi hanno evidenziato come la presenza di aromi fa aumentare la permanenza nel punto vendita, portando un incremento delle vendite.

1 commento:

  1. Molto interessante....le emozioni olfattive sono uniche. Complimenti Roberta la stradaercorsa e' davvero interessante.

    RispondiElimina